Disturbi allo stomaco

Mal di stomaco

Tutti abbiamo sofferto almeno una volta nella vita “di mal di stomaco”. Ma cosa si intende con questa espressione?

Il mal di stomaco è un insieme di disturbi percepiti a livello dello stomaco, ovvero localizzati nella parte superiore dell’addome e al di sotto dello sterno. 

Quali sono le cause del mal di stomaco?

  • introduzione di una quantità eccessiva di cibo
  • presenza di allergie o intolleranze alimentari
  •  freddo durante la digestione
  • eccessiva velocità nel consumare il pasto
  • consumo di alimenti troppo pesanti
  • nervosismo e stres

Oltre a una sensazione di fastidio e/o dolore più o meno acuta a livello dello stomaco il mal di stomaco può essere caratterizzato anche da alitosi, acidità, bruciore, nausea, vomito, gonfiore addominale, eruttazioni

asma- polmoniti ricorrenti -difficoltà o dolore durante la deglutizione- erosione dentale -nausea -problemi alla gola -respiro sibilante tosse secca e persistente vomito

E il bruciore di stomaco?

 Il bruciore di stomaco, tecnicamente conosciuto col nome di pirosi gastrica, è una condizione medica che può diventare anche molto fastidiosa e invalidante, caratterizzata da una sensazione più o meno accentuata di bruciore che generalmente insorge alla base dello sterno ma spesso arriva a diffondersi fino all’esofago e alla faringe.

Quando il bruciore è “basso” e circoscritto alla parte centrale dell’addome, con ogni probabilità il disturbo presente è una gastrite o un’ulcera gastrica (in quest’ultimo caso, di solito, il dolore è molto intenso e si attenua mangiando, per riacutizzarsi poco dopo).

Se un dolore acuto e bruciante si concentra un po’ sotto lo stomaco, prevalentemente sul lato destro, invece, può trattarsi di colite oppure di ulcera duodenale: in entrambi i casi il disturbo non interessa lo stomaco, ma l’intestino.

Viceversa, se il bruciore ha una chiara tendenza a risalire verso l’alto, fino a far arrivare i succhi gastrici acidi e/o residui di cibo alla faringe, all’origine c’è sicuramente una MRGE. In questo caso, i sintomi peggiorano notevolmente stando sdraiati e migliorano praticando un’attività fisica moderata, in stazione eretta.

Accanto a fattori di origine emotiva si possono indagare eventuali allergie alimentari.

Fumo e alcool peggiorano la situazione. Se il mal di stomaco si protrae nel tempo può generare dispepsia, gastrite, ulcera gastrica. L’orgine può essere anche batterica e di solito l’Helicobacter pylori è il batterio chiamato in causa. 

Una alimentazione eccessiva, pasti consumati troppo in fretta, abuso di caffeina, abuso di alcool, eccessiva assunzione di bevande gasate, assunzione di farmaci come gli antibiotici, l’aspirina e gli antinfiammatori non steroidei (FANS), infiammazione dello stomaco (gastrite), infiammazione del pancreas (pancreatite), ulcera peptica, calcoli biliari, tumore allo stomaco. 

Quali sono i rimedi naturali?

Lo zenzero è un grande alleato dello stomaco e può sostenere molto specie in caso di nausea associata. Questo importante alimento aiuta a stimolare la digestione e proteggere l’apparato digerente da infiammazioni. 

La cannella, spezia portentosa che abbassa la glicemia, regola i livelli di zucchero nel sangue e risolve i problemi di cattiva digestione. Il limone neutralizza l’iperacidità gastrica e ha un potere fortemente alcalinizzante.  

Per lenire i disturbi, sono utili anche le tisane con erbe specifiche per lo stomaco come camomilla, liquirizia, altea,  melissa 

Per il reflusso i rimedi casalinghi più conosciuti sono il bicarbonato di sodio e il latte. 

DYGESCAL BY FELI PHARMA